Crea sito

La più grande grotta sottomarina scoperta ed i suoi misteri dei primi abitanti delle Americhe


Tutorials Point

Gli antichi Maya potrebbero aver considerato la caverna un ingresso negli inferi. Durante l’esplorazione del sistema di grotte, gli archeologi sottomarini hanno scoperto ossa umane e ceramiche risalenti a migliaia di anni fa. GAM ritiene che la nuova scoperta potrebbe aiutare gli archeologi a comprendere meglio l’antica civiltà Maya.

I subacquei scoprono i misteri dei primi abitanti delle Americhe nelle profondità delle grotte dello Yucatan

Migliaia di anni fa, i primi abitanti delle Americhe si recarono in profondità nelle caverne nell’attuale Messico per estrarre l’ocra rossa, un prezioso pigmento di terra argillosa naturale usato come vernice. Ora, secondo un nuovo studio, scienziati e subacquei hanno scoperto le prime prove di questa operazione mineraria nelle profondità delle grotte sottomarine nella penisola dello Yucatan in Messico.

“Ciò che è notevole non è solo la conservazione dell’attività estrattiva, ma anche l’età e la durata”, ha dichiarato l’autore principale dello studio Brandi MacDonald dell’Università del Missouri. “Raramente, se mai, osserviamo prove così evidenti dell’estrazione di pigmenti ocra dell’età paleoindiana in Nord America, quindi per esplorare e interpretare questa è un’incredibile opportunità per noi.

“Il nostro studio rafforza l’idea che l’ocra è stata a lungo un materiale importante per tutta la storia umana.”

Mentre MacDonald e i suoi colleghi non sono sicuri di come sia stato usato questo ocra, prove provenienti da altre parti del Nord America suggeriscono che potrebbe essere stato usato come antisettico, crema solare o repellente per parassiti o per scopi rituali e simbolici come funerali o decorazioni artistiche.

Gli scienziati hanno detto che è la più antica miniera di ocra conosciuta nelle Americhe.

Queste prove dell’esplorazione e dell’estrazione di grotte antiche abbracciano un periodo di molte generazioni nell’arco di circa 2000 anni e risalgono a 12.000 a 10.000 anni fa, secondo lo studio. Ciò avvenne 8000 anni prima dell’istituzione della cultura Maya per la quale la regione è ben nota. Le grotte si sono riempite di acqua nel corso di migliaia di anni da quando è stata effettuata l’estrazione originale a causa dell’innalzamento del livello del mare che ha portato alle inondazioni. I subacquei delle caverne hanno trasformato la scoperta a centinaia di metri in una grotta sottomarina, in alcuni punti spremendosi attraverso piccole fessure per raggiungere la scoperta.

Durante quasi 100 immersioni per un totale di oltre 600 ore, i subacquei hanno trovato ampie prove delle operazioni di estrazione dell’ocra preistorica. I reperti includevano letti e pozzi di estrazione ocra notevolmente conservati, strumenti di scavo, detriti in frantumi che sono stati accumulati dallo sforzo umano, indicatori di navigazione e pozzi di fuoco.

 

“La maggior parte delle prove dell’antica estrazione in superficie è stata modificata attraverso processi naturali e umani, oscurando la documentazione”, ha affermato il coautore dello studio Eduard Reinhardt, esperto subacqueo e professore alla McMaster University in Ontario. “Queste grotte sottomarine sono una capsula del tempo. Con tutti gli strumenti rimasti com’erano da 10.000 a 12.000 anni fa, rappresenta un’opportunità di apprendimento unica.”