Crea sito

Oltre 1 milione di persone scarica uno studio che mostra pesanti depositi di alluminio nei cervelli autistici

Nel 2018, il professore di chimica bioinorganica alla Keele University, considerato uno dei massimi esperti mondiali in tossicologia dell’alluminio, ha pubblicato un articolo sul  Journal of Trace Elements in Medicine & Biology mostrando quantità molto elevate di alluminio nel tessuto cerebrale delle persone con autismo. Exley ha esaminato più di 100 cervelli e il contenuto di alluminio in queste persone è tra i più alti che abbia mai visto e solleva nuove domande sul ruolo dell’alluminio nell’eziologia dell’autismo. Nello studio sono state utilizzate cinque persone, di cui quattro maschi e una femmina, tutti di età compresa tra 14 e 50 anni. Ciascuno dei loro cervelli conteneva ciò che gli autori consideravano non sicuro e quantità elevate di alluminio rispetto ai tessuti cerebrali di pazienti con altre malattie in cui è comune un alto contenuto di alluminio nel cervello, come il morbo di Alzheimer, per esempio.

Ecco una sintesi dei principali risultati dello studio:

-Tutti e cinque gli individui avevano almeno un tessuto cerebrale con un livello di alluminio “patologicamente significativo”, definito come maggiore o uguale a 3,00 microgrammi per grammo di peso del cervello secco (μg / g peso secco). (Il dottor Exley e colleghi hanno sviluppato categorie per classificare la patologia correlata all’alluminio dopo aver condotto  altri  studi sul cervello, in cui gli adulti più anziani morti sani avevano meno di 1 μg / g di peso secco di alluminio cerebrale.)

-Circa due terzi (67%) di tutti i campioni di tessuto hanno mostrato un contenuto di alluminio patologicamente significativo.

-I livelli di alluminio erano particolarmente alti nel cervello maschile, anche in un ragazzo di 15 anni con ASD che aveva la singola misurazione dell’alluminio cerebrale più alta dello studio (22,11 μg / g peso secco), molte volte superiore alla soglia patologicamente significativa e lontano superiore a livelli che potrebbero essere considerati accettabili anche per un adulto di età.

-Alcuni dei livelli elevati di alluminio rivaleggiavano con i livelli molto alti storicamente riportati nelle vittime della  sindrome da encefalopatia da dialisi  (una grave malattia iatrogena derivante da soluzioni per dialisi contenenti alluminio).

-Nei maschi, la maggior parte dei depositi di alluminio erano all’interno delle cellule (80/129), mentre i depositi di alluminio nelle femmine erano principalmente extracellulari (15/21). La maggior parte dell’alluminio intracellulare si trovava all’interno di cellule non neuronali (microglia e astrociti).

-L’alluminio era presente sia nella materia grigia (88 depositi) che nella sostanza bianca (62 depositi). (La materia grigia del cervello serve per elaborare le informazioni, mentre la materia bianca fornisce la  connettività .)

-I ricercatori hanno anche identificato linfociti carichi di alluminio nelle meningi (gli strati di tessuto protettivo che circondano il cervello e il midollo spinale) e in cellule infiammatorie simili nel sistema vascolare, fornendo prove dell’ingresso di alluminio nel cervello “attraverso le cellule immunitarie circolanti nel sangue e linfa ”e forse spiegando come i giovani con ASD siano arrivati ​​ad acquisire livelli così incredibilmente alti di alluminio nel cervello.

A seguito di questo documento, Exely ha recentemente  pubblicato un documento  dal titolo ” Il ruolo degli adiuvanti di alluminio nei vaccini solleva questioni che meritano una scienza indipendente, rigorosa e onesta”.  Nella pubblicazione, forniscono la prova della loro posizione secondo cui “la sicurezza degli adiuvanti vaccinali a base di alluminio, come quella di qualsiasi fattore ambientale che presenta un rischio di neurotossicità e a cui il bambino è esposto, deve essere valutata seriamente senza ulteriori ritardi, in particolare in un momento in cui il CDC annuncia una prevalenza ancora crescente di disturbi dello spettro autistico, di 1 bambino su 54 negli Stati Uniti “.

Nell’intervista qui sotto, Exley risponde a molte domande, ma la parte che ha attirato la mia attenzione è stata:

Abbiamo esaminato cosa succede all’adiuvante di alluminio quando viene iniettato e abbiamo dimostrato che alcuni tipi di cellule arrivano al sito di iniezione e assorbono l’alluminio al loro interno. Sai, queste stesse cellule che vediamo anche nel tessuto cerebrale nell’autismo. Quindi, per la prima volta abbiamo un collegamento che onestamente non mi sarei mai aspettato di trovare tra l’alluminio come adiuvante nei vaccini e lo stesso alluminio potenzialmente potrebbe essere trasportato da quelle stesse cellule attraverso la barriera ematoencefalica nel tessuto cerebrale dove potrebbe depositarsi l’alluminio e produrre una malattia, l’encefalopatia (danno cerebrale), potrebbe produrre la forma più grave e invalidante di autismo. Questa è una scoperta davvero scioccante per noi.

Ci sono molte preoccupazioni sollevate sull’alluminio nei vaccini e su dove va a finire l’alluminio quando viene iniettato nel corpo. Diversi studi sugli animali hanno ora dimostrato che quando si inietta l’alluminio, non esce dal corpo ma viaggia verso organi distanti e alla fine finisce nel cervello dove è rilevabile 1-10 anni dopo l’iniezione. Quando assumiamo l’alluminio dal nostro cibo o qualsiasi altra cosa, il corpo fa un ottimo lavoro per liberarsene.

Quando inietti l’alluminio, entra in un compartimento diverso del tuo corpo. Non rientra nello stesso meccanismo di escrezione. Quindi, e ovviamente non può perché questa è l’intera idea degli adiuvanti in alluminio, gli adiuvanti in alluminio sono pensati per restare e consentire a quell’antigene di essere presentato più e più volte in modo persistente, altrimenti non metteresti un adiuvante il primo posto. Non può essere inerte, perché se fosse inerte non potrebbe fare le cose che fa. Non può essere escreto perché ancora una volta non potrebbe fornire quella prolungata esposizione dell’antigene al tuo sistema immunitario. – Dr Christopher Shaw, Università della British Columbia. ( fonte )

Inoltre, le agenzie di regolamentazione sanitaria federale non hanno studiato in modo appropriato i meccanismi d’azione degli adiuvanti dell’alluminio dopo l’iniezione, è stato semplicemente ritenuto sicuro dopo oltre 90 anni di utilizzo in vari vaccini. È anche importante notare che un gruppo di scienziati e medici noti come The Physicians For Informed Consent (PIC) hanno scoperto un errore matematico cruciale in un documento della FDA relativo alla sicurezza dell’alluminio nei vaccini.