Crea sito

L’Evento di Tunguska

L’impatto di un meteorite sugli Urali avvenuto qualche giorno fa, riporta alla memoria uno dei più grandi misteri del XX secolo: il cosiddetto evento di Tunguska.

30 giugno 1908. Una detonazione con la forza di 1.000 bombe di Hiroshima scuote la Siberia. L’onda di pressione attorciglia milioni di alberi, su un’area delle dimensioni del Saarland. Anche a 500 chilometri di distanza, i passeggeri della ferrovia Transiberiana possono sentire un tremendo tremito.

Cosa è successo nella landa desolata russa più di 100 anni fa? Oggi, l’evento vicino al fiume Stony Tunguska rimane un mistero. Ha avuto luogo – questo è dimostrato da indagini paleontologiche e geologiche e misurazioni contemporanee da Irkutsk e Uppsala.

1953: queste immagini sono state scattate 45 anni dopo l’evento di Tunguska nella regione siberiana. Le tracce della devastazione erano ancora visibili decenni dopo.

 

 

 

 

 

 

Fino ad oggi, numerose teorie teorie ed ipotesi sono state fatte sull’evento di Tunguska, ma cosa sappiamo? Fantasiose ipotesi di complotto circondano Tunguska. È scoppiato un gigantesco vulcano o gli scienziati russi sono tornati indietro nel tempo e hanno fatto esplodere una bomba all’idrogeno nella regione disabitata della Siberia? A volte veniva considerata anche un’esplosione di giganteschi sciami di zanzare.

Un’altra tesi curiosa: Nikola Tesla (+ 1943), lo scopritore della corrente alternata, sperimentò a Tunguska i cosiddetti “raggi della morte”. Ma Tesla non ha mai confermato questa accusa.

La teoria più probabile oggi ricorda il violento impatto di un meteorite sugli Urali venerdì. Perché i ricercatori stimano che un grande meteorite di pietra sia esploso su Tunguska.

L’unico problema: non sono stati trovati detriti.

Un’altra tesi: un corpo celeste fatto di ghiaccio e pietra era bruciato su Tunguska e si era dissolto completamente. La teoria è considerata probabile, ma non è stata ancora provata.

La foto non datata mostra gli anelli annuali di un albero, l’anno 1908 è segnato. Sulle spiagge del lago Cheko, a nord-ovest dell’epicentro dell’esplosione a Tunguska, in Siberia, il 20 giugno 1908, ci sono alcune dozzine di alberi sopravvissuti all’esplosione. I larici e gli abeti rossi mostrano una crescita anormalmente diretta degli anelli annuali a partire dal 1908 e 1909, quindi sono testimoni dell’evento. Molti alberi sull’anello del 1908 mostrano un carattere caotico e una distribuzione irregolare della direzione di crescita.

L’evento di Tunguska probabilmente diventerà uno dei più grandi misteri della storia umana.

 

 

 

Tunguska, cosa sappiamo 112

anni dopo la grande esplosione

Reccom